Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 17 novembre 2011

Anche Supega festeggia un anniversario

Tempo fa sono stato a una mostra sul design Italiano all' Ara Pacis (aspettando con trepidante attesa il museo del made in Italy che dovrebbe aprire quest' anno). Tra le scarpe i protagonisti assoluti erano due: le storiche calzature di Salvatore Ferragamo e le molto più cheap (o democratiche!) Superga, che proprio quest' anno festeggiano il loro centenario. Un età che però non si sente grazie alla varietà di scelta che queste scarpe hanno: sono più i tipi di Superga che la somma degli anni degli ultimi 4 papi messi insieme (non ho fatto il calcolo, ma si parla di 400 modelli e passa).

Proprio per festeggiare i 100 anni Superga ha allestito una grandiosa mostra a Torino. E' lì che sono nate e dalla famosa collina della basilica di Superga e del grande Torino che prendono il nome. Effettivamente le scarpe con la suola in gomma vulcanizzata (devo ancora capire che cosa significhi davvero) hanno unito l' Italia più di quanto abbia fatto un tale signor Foscolo Ugo. Provate a chiedere alla casalinga di Voghera (mai pensato alla rabbia che i vogheresi possono avere verso chi si è inventato questo simpatico modo di dire?) di parlare delle Ultime lettere di Jacopo Ortis e della sua infanzia con le Superga. Scommetto che potrebbe passare ore a dilungarsi sulla seconda, ma Ortis... e lo stesso per il Torinese posh che passeggia tra via Roma e Via Lagrange.

Lo charme italiano (poco importa se il presunto italiano sarà un americano)

Bene, questa è semplicemente geniale.


Benvenuti!


La gomma vulcanizzata delle suole






La lavorazione di un paio di scarpe

In collaborazione con 10 corso como (sx) e Cristina T (dx).

Il mio contributo alla causa

Nessun commento:

Posta un commento

Se siete arrivati fin qua sotto vivi (complimenti!) e volete insultarmi, fate bene, questo è lo spazio giusto! Mi raccomando, utenti anonimi, lasciatemi una firmetta (potete anche scrivere "Raperonzolo", non saprò mai che non è il vostro vero nome)!
Se, invece, siete folli come me, e il post vi è piaciuto, potete contattarmi in privato per offrirmi un dono. Vi fornirò la mia taglia e le preferenze di colore per:
1) Un maglione in baby cashmere di Loro Piana;
2) Una giacca di cashmere millemila fili di Brunello Cucinelli;
3) Un plaid di cashmere di Hermès (sì, ho bisogno fisiologico di cashmere, sono freddoloso).

Naturalmente, non è un "aut aut" tra i tre doni. Non sarei mai così crudele. I doni sono da fare tutti. Appena arriveranno, provvederò a cambiare lista, per evitare doppioni.
<3 <3 <3

Grazie per la lettura!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...